L’incapacità di gestire le situazioni a livello emozionale genera accumulo di stress, che provocano confusione mentale, e non ci permettono di affrontare la vita con serenità né di prendere decisioni lucidamente. Il significato della parola YOGA deriva dalla radice sanscrita “YUG” che significa unire, legare assieme, dirigere, soggiogare, concentrare l’attenzione, e quindi unione in perfetto equilibrio di mente, corpo e spirito. Proviene dai paesi orientali ed è divenuto nel tempo una vera e propria moda nell’Occidente.

Le prime testimonianze dello yoga affondano le radici addirittura nel 5000 a.C. in India. Raffigurazioni di posizioni yoga sono state ritrovate su monete, tavolette e sigilli appartenenti a quel tempo. In quel periodo lo yoga consisteva in un insieme di tecniche meditative che avevano la finalità di controllare i sensi e raggiungere la consapevolezza di sé. Le prime prove scritte degli insegnamenti dello yoga risalgono a circa il 3.000 a.C. Si trattava degli Upaniṣad, poemi filosofici e mistici, scritti in sanscrito, che esplorano la natura dell’anima umana.

A cosa serve lo yoga:

  • ossigenazione del corpo
  • eliminazione delle tossine
  • aumento della concentrazione
  • aumento della consapevolezza
  • eliminazione dello stress
  • mantenere in salute la colonna vertebrale
  • maggiore flessibilità allungamento dei muscoli
  • potenziamento dei muscoli

Lo yoga che oggi conosciamo si fonda sull’assunzione di alcune tecniche chiamate:

  • Asana, (posizioni stabili) In poche parole con asana si intendono tutte le posizioni che facciamo quando pratichiamo yoga.
  • Pranayama (tecniche di controllo del respiro).
  • Mudra (gesti delle mani)
  • Tecniche di rilassamento, meditazione, purificazione

Nello yoga l’attenzione è tutta rivolta all’ascolto del corpo e del respiro, siamo concentrati e focalizzati sul momento presente, senza altre distrazioni mentali. Le Asana hanno lo scopo di mantenere il corpo sano e flessibile e di  migliorare la capacità di concentrazione. I muscoli, mediante lo Yoga,  sono sollecitati prima dolcemente e poi sono allungati in un continuo susseguirsi di “posture” e “contro-posture”, coadiuvate da una respirazione profonda e completa, che contribuisce a neutralizzare l’affaticamento.

Ogni postura fa confluire maggiore prana – o energia vitale – verso specifiche parti del corpo, irradiando le relative nadi (canali energetici) ed i chakra (centri energetici) interessati. Le asana, quindi, sono posture del corpo mediante le quali chi pratica la discipina amplifica le caratteristiche e le attitudini mentali e al contempo incanala l’energia nelle diverse parti del corpo. Con lo yoga diventiamo più consapevoli di ogni nostro gesto, parola, azione.

ORARIO CORSI

  • Giovedì 20.45
Write a comment:

*

Your email address will not be published.